Matteo - ITALIAN STALLION SHEMALE MISTRESS

Vai ai contenuti

Menu principale:

Racconti

"Una sera assai particolare"
Una sera Jessica mi invitò ad accompagnarla in un club privè, appena entrati lei si fiondò sulla lei di una coppia che già conosceva e iniziò prima ad umiliarla verbalmente, poi la legò ad una croce di Sant'andrea.
Io una volta ambientatomi e preso coraggio, andai dalla ragazza legata cominciando a sondarle l’ano con la mano, saggiando le attitudini della cagna a farsi sfondare il culo. Nel frattempo Jessika con il suo durissimo e molto largo cazzo iniziò a buttarglielo tutto in figa mentre una Trans nera aveva cominciato a scoparle la bocca di brutto. A quel punto non resistetti alla voglia di incularmela, levai le tre dita facendo prendere il posto dal mio cazzo gia in tiro."Ora tocca a te" disse Jessica con tono austero indicando la gogna.
La nera intanto armeggiava con qualcosa che non riuscivo a vedere, passò di fronte a me con una specie di anello. "Adesso ti metto questo e proverai un piacere mai immaginato". Era un anello messo alla base del pene che stringeva i testicoli. Mentre Jessika continuava a fottersi la mia bocca, la nera passo dietro, cominciando a giocare contemporaneamente con il mio cazzo e mettendomi alternativamente due e tre dita nel culo.
Jessika dopo avermi lubrificato me lo mise per buona meta’ dentro, facendomi cacciare un urlo a squarciagola, contesto sfruttato dalla nera per schiaffarmi in bocca il suo bastone. In una frazione di secondo mi ritrovai impalato come uno spiedino, in balia di quelle due forsennate e assatanate trans che si facevano beffe di me, ridendo e chiamandomi "il loro sborratoio".

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu